Pubblicato in: News

Ubisoft vede solo open world nel suo futuro

Il mondo dei videogame, si sa, non è assolutamente esente dalle influenze di mode e trend, più o meno momentanei; senza ovviamente dimenticare la costante ricerca della “formula vincente“, quella che assicura il miglior ritorno di vendite. Ubisoft sembra aver trovato la sua ricetta segreta per accontentare i suoi fan e senza incorrere in flop clamorosi; la ricetta segreta sembra rispondere al nome di: open world.

Come sicuramente ogni fan del publisher francese avrà avuto modo di constatare, tutti gli ultimi titoli pubblicati rispettano tutti gli stessi canoni: un vasto mondo da esplorare, una main quest lunga il giusto e tante, tantissime storie secondarie per soddisfare i fan più esigenti.

I risultati hanno dato ragione ad Ubisoft, che sembra intenzionata a continuare su questa strada, tralasciando, stando alle parole del suo CEO, lo sviluppo di videogame più brevi, almeno per il momento.

Ubisoft: il futuro è open world

Un notevole cambio di rotta per il publisher francese.

È inutile fare finta di niente e negare che praticamente quasi tutti i più recenti videogame editi da Ubisoft sono accomunati da una struttura simile e, oramai, perfettamente collaudata. Prendiamo ad esempio Assassin’s Creed: Odyssey. L’ultimo capitolo del franchise targato Ubi rispecchia appieno le attuali politiche del suo publisher: creare un mondo di gioco vasto e completamente esplorabile, una trama principale lunga a sufficienza per non stancare i giocatori, ed una serie di attività secondarie per tutti coloro che desiderassero “qualcosa in più”.

Intervistato da Gamesindustry.biz, Yves Guillemot, CEO di Ubisoft, ha espresso a chiare lettere che l’azienda per cui lavora non ha alcuna intenzione di tornare sui proprio passi, ricominciando a sviluppare titoli più brevi (come Unity, per intenderci).

“Il nostro obiettivo è assicurarci che il pubblico possa avere la possibilità di giocare ad un Assassin’s Creed: Unity all’interno di un Assassin’s Creed: Odyssey. Il giocatore potrà vivere na storia di 15 ore, ma potrà anche vivere altre storie. Lui vivrà in quel mondo, alla ricerca di ciò che desidera maggiormente. Potrete vivere un’esperienza, o molte esperienze, come AC: Unity.”

Sempre stando alle parole di Guillemot, una longevità come quella di Odyssey, stimata in circa 60 ore di gameplay, sta a significare che i giocatori hanno investito decisamente molto più tempo nel completamento del gioco, molto più di quanto non avessero fatto in precedenza. Sotto questo aspetto, inoltre, Ubisoft ha intenzione di “allungare” ancora di più la vita dei propri titoli, aggiungendo DLC che possano fornire nuovi archi narrativi, o anche nuove tipologie di microtransazioni, con relativa valuta virtuale.

Il publisher non intende tornare sui suoi passi

Quale futuro per titoli come Splinter Cell?

Il CEO di Ubisoft ha fatto intendere a chiare lettere quanto il publisher francese intenda proseguire su questa strada; basti guardare la struttura dell’oramai prossimo Ghost Recon: Breakpoint per rendersi conto della serietà delle dichiarazioni di Guillemot.

Tuttavia, questa nuova direzione sembrerebbe mettere a rischio alcuni franchise che mal si sposerebbero con la formula precedentemente menzionata. Giusto per citare alcune main entry delle saghe più attese: se con Beyond Good and Evil 2 questo approccio potrebbe senza dubbio essere funzionale, provare ad immaginare il nuovo capitolo di Splinter Cell ambientato in un mondo aperto delle dimensioni di quello visto in Origins ed Odyssey, infarcito di side quest ed attività secondarie, risulta quantomeno difficile, per non dire azzardato.

Sotto questo aspetto, c’è da dire che il publisher francese non è il solo ad aver adottato questa politica nello sviluppo dei propri titoli. La stessa CD Projekt Red, parlando di Cyberpunk 2077, ha confermato quanto oramai lo sviluppo di videogame open world, magari con una mappa di gioco più piccola e più curata, sia una realtà oramai consolidata dell’industria videoludica.

Quanto influirà questa nuova prospettiva di Ubisoft sul suo parco titoli? Ai posteri l’ardua sentenza, nella speranza di non vedere snaturate alcune delle nostre saghe preferite. Restate sintonizzati in attesa di ulteriori news in merito.

>> Leggi anche: Tutti a lezione di storia con Assassin’s Creed: Odyssey Discovery Tour <<

Claudio Albero @https://twitter.com/ClaudioAlbero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine. Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy. Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale. Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock . Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli. Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Disqus Comments Loading...
Share
Tags: ubisoft

Recent Posts

God of War, Cory Barlog vorrebbe la serie TV stile The Witcher

In un tweet del 27 gennaio, Cory Barlog ha affermato che vedrebbe bene God of War sotto forma di serie…

Crack! | C’era una volta il gioco

Oggi a “C’era una volta il gioco” parliamo di "fallimento", di Epic Fail, il più epico che c’è. Il fallimento…

PS5: Informazioni, caratteristiche e uscita

PlayStation 5 è il nome del nuovo hardware Sony per la nona generazione videoludica. Attualmente non è stato ancora mostrato…

Rockstar, festa grande: denaro e oggetti gratis in GTA Online e Red Dead Online

Notizie attese ma comunque interessanti da casa Rockstar: Grand Theft Auto V è ora ufficialmente il gioco più venduto del…

Half Life Alyx ha fatto raddoppiare le vendite di Valve Index

Secondo i report di Superdata, Half Life Alyx ha dato un boost non indifferente alle vendite del visore Valve Index

Il miliardo di dollari fatto dai giochi mobile di Nintendo è quasi tutto colpa di Fire Emblem

Durante il 2019 Nintendo ha ricavato poco più di un miliardo di dollari dai suoi giochi per Smartphone, specie grazie…