Pubblicato in: Giochi da Tavolo

Recensione | Dominion Secoli Bui

Oggi, per la prima volta in questi ameni luoghi, non vi parlo di un gioco, ma di un’espansione. Una bella espansione, di un gioco bello, che riporta alla memoria tanti simpatici ricordi.

Il gioco in questione è Dominion – se non avete mai giocato a Dominion allora… SCIAGURA A VOI, SCIAGURA A VOI! – e l’espansione è Secoli Bui.

Nota: non temete, la sciagura non può cogliervi semplicemente leggendo una recensione, ma per non correre il rischio, io contatterei tutti i miei amici per sapere se qualcuno di loro ha una copia di Dominion da farmi provare.

Io lo ricordo bene, ci ho fatto anche dei tornei ottenendo disastrosi risultati. Ho provato quasi tutte le sue espansioni e lo considero uno dei migliori giochi del mio periodo “Cartaiolo” – è un gioco di carte e sì. I giocatori da tavolo sono come i pittori, hanno il periodo cartaiolo, quello dadoista, quello militare e quello: non c’ho tanta voglia di giocare, perché non ci guardiamo un film?

Non ho ancora introdotto il mio giovane team di esperti su Dominion, quindi ho provato il gioco con il mio gruppo di vecchi rompicogl… esperti. Naturalmente parlo di Buegrasso il cavaliere (è un po’ rintronato per via delle botte in testa subite), Giulio Giammario, odioso giocatore sottuttoio e un a new entry, mastro Antigone, prolisso -guardate che nome – esperto di gioconi.

Nota 2: è con loro che facevo i tornei ummilionediannifa.

Andiamo con ordine.

Materiali

Una vagonata di carte. Un mucchio di carte, ma proprio tante carte, ben 500. Cioè quasi dieci mazzi di carte francesi senza jolly e l’inutile carta con i punteggi di bridge – chi cacchio è che gioca ancora a bridge!

Non è una cosa da sottovalutare, a differenza delle precedenti espansioni di Dominion (Secoli bui è la settima), questa è davvero ricca, tant’è che nella scatola non ci sono spazi per le carte del gioco base.

Il gioco

Per chi non conosce Dominion, si tratta di un Draft con lo scopo di acquistare, con una serie di combinazioni di carte, quanti più punti vittoria possibili.

Normalmente ci sono tre tipologie di carte: Carte Vittoria, Carte Azione e Carte Monete. All’inizio del gioco si dispongono dieci mazzi di carte dello stesso tipo al centro del tavolo. Rappresentano il mercato dalla qualche ciascun giocatore potrà acquistare delle carte.

Tutti i giocatori partono con le stesse cinque carte, l’obiettivo è riuscire a far girare il mazzo in modo da ottenere monete a sufficienza per comprare punti vittoria.

Le strategie per farlo, nel corso degli anni e con 7 più espansioni, richiederebbero un libro per poter essere descritte. Ai tornei c’era chi puntava ad avere mazzi leggerissimi, ma carichi di monete, chi preferiva prendere carte che penalizzavano gli altri giocatori, chi amava le super combinazioni che non finivano mai, ecc.

Ribadisco, un gioco eccezionale.

Esempio carta Feudo

L’espansione Secoli bui è un setting quasi del tutto nuovo. Dico quasi, perché a ben vedere, anche se l’espansione introduce diversi elementi nuovi, sia di gioco che di ambientazione, chi ha già giocato per anni a Dominion non può non aver notato una certa ridondanza di elementi. Parliamo di 7 espansioni. Anche le serie tv alla settima stagione diventano ripetitive, figuriamoci un gioco da tavolo.

Ciò non toglie che Secoli Bui è forse la migliore espansione di Dominion e per diverse ragioni.

  • L’ambientazione: ci troviamo nel regno durante la sua decadenza, le carte rendono perfettamente l’idea causando effetti devastanti sugli altri giocatori. Spesso le partite finiscono con punteggi negativi.
  • Carte trasformanti: diverse carte si ottengono solo se si possiede una carta precedente, le combinazioni di queste carte rendono le partite davvero varie.
  • L’introduzione delle carteRifugio” e delle carte “Rovina”: le prime sostituiscono le carte proprietà a inizio partita, le seconde, oltre che essere perfettamente in tema con l’ambientazione, si usano spesso contro gli altri giocatori che se le ritrovano nei loro mazzi e sono costretti a gestirle.
  • A differenza delle precedenti espansioni, non è facile trovare una strategia sempre vincente, il gioco è molto dinamico e varia di partita in partita. Quindi, mai come in Secoli bui, il buon giocatore deve adattarsi alla partita ed essere pronto a cambiare strategia in corso.
  • Un buon rapporto qualità prezzo. Possono sembrare tanti 40€ per un’espansione, ma qui parliamo praticamente di un gioco nuovo. 500 carte sono un’enormità. (Usato lo trovate anche a 30€).
  • La grafica: non so se usciranno altre espansioni, io penso di fermarmi a questa. Tutto in queste carte ti dice che il gioco, anche se eccezionale, è giunto alla sua naturale conclusione. Secoli bui è la fine del viaggio e le illustrazioni non lasciano dubbi al riguardo.

Conclusioni

Buegrasso è il campione indiscusso di questo gioco, ce l’ha suonate di santa ragione per ben quattro volte. Seguono le vittorie di Giulio Giammario e quella di mastro Antigone. Ehm, io non ne ho vinta neanche una, ma mentre mi malmenavano a suon di carte di m., ho potuto notare come nessuna partita delle sei o sette che abbiamo fatto fosse simile alle altre.

Certo alcuni di noi si sono incaponiti e hanno provato la stessa partenza più di una volta, prima di rendersi conto che errare è umano, ma perseverare nell’errore è da idioti, più che diabolico.

Per Buegrasso è la migliore espansione di sempre, anche perché è difficile dire che un gioco ti fa schifo se vinci sempre, o quasi sempre.

Giulio Giammario la ritiene un’ottima espansione, forse la migliore dopo “Intrigo”, che, a differenza di Secoli Bui, costava uguale, ma è un gioco a sé stante.

Ad Antigone non è affatto dispiaciuta, anche perché si tratta di un’espansione di sole carte. Cioè, sostiene, se devi fare un’espansione per guadagnare dei soldi, metti dentro tappetini, monetine, gingilli vari e inutili.

Ma se pensi al gioco, se vuoi introdurre delle meccaniche nuove e interessanti, fai solo carte e in questo Secoli Bui centra il bersaglio.

Direi che non serve aggiungere altro, c’è una grossa luce in fondo a questi Secoli bui… lo so è pietosa.

Ad maiora!

Luca Riccio

Educatore, scrittore a tempo perso, di quelli che "primo o poi lo finisco quel romanzo". Mi ritengo anche un creatore di giochi di quelli che "prima o poi me lo pubblicano quel gioco". Nel frattempo provo i giochi degli altri per offrirvi la mia modesta e "prima o poi competente" opinione.

Disqus Comments Loading...
Share

Recent Posts

Fortnite Capitolo 2 | Guida ai cambiamenti per nuovi e vecchi giocatori

Cosa c'e di nuovo in Fortnite Capitolo 2? Come cambia la mappa? Il pass battaglia? Quali sono le armi migliori…

Lettera aperta ai Publisher : Caso chiavi di gioco e libertà di stampa.

Giornalismo. Parlare di videogiochi. Publisher che vendono i propri prodotti. Tre concetti che vanno di pari passo con il lavoro…

[Speciale Halloween] 5 videogiochi horror in cui la fuga è la scelta migliore

La consuetudine dei survival horror degli ultimi anni è quella di far immedesimare il giocatore implementando la visuale in soggettiva…

Recensione: Little Town Hero, il JPRPG dai creatori di Pokémon con le musiche di Toby Fox

Un ragazzino dai capelli rossi a punta, una città invasa da mostri e idee come arma per combatterli. Little Town…

The Witcher 3 Guida | Mappe Complete: Punti d’interesse, Luoghi e Collezionabili

The Witcher 3 Mappe Complete: Punti d’interesse, Luoghi e Collezionabili – In questa sezione della nostra guida a The Witcher…

Comunità tossiche: cartellino rosso da Microsoft

Diciamocelo in faccia: uno dei motivi che spesso può portarci a non voler giocare online se non con gruppi di…