Pubblicato in: Recensioni

Recensione – Rainswept

Pineview è una piccola cittadina americana tra i boschi e la costa, una perfetta location per un giallo. Siamo nel 1996 e nei panni dell’investigatore Michael Stone dovremo indagare sull’omicidio di due persone. Questa è la premessa di Rainswept, videogioco indie sviluppato da Arman Sandhu.

La libertà creativa concessa dal lavoro autonomo

Ormai sempre più di frequente capita di avere a che fare con titoli sviluppati da una singola persona. Da Cave Story di Daisuke Amaya a Braid di Jonathan Blow, fino al pluripremiato Undertale di Toby Fox. Quasi sempre questi indie spiccano per originalità e innovazione; il motivo principale risiede proprio nella libertà creativa concessa dal lavoro autonomo dei loro creator.

Benvenuti a Pineview

Anche Rainswept è stato sviluppato esclusivamente da Arman, ad eccezione di un piccolo aiuto per le musiche. Per il resto, la programmazione su Unity, la grafica minimale e la sceneggiatura è tutta opera sua. Il gioco si presenta come un ibrido tra un classico punta e clicca (come Monkey Island o Broken Sword) ed una graphic novel. I comandi  sono semplici ed essenziali: ci si muove usando la tastiera mentre è possibile interagire con gli oggetti e i personaggi su cui appaiono delle icone facendoci click sopra. Da queste, un menù circolare ci permetterà di scegliere l’azione desiderata.

Un gameplay basilare, il punto forte è la narrativa

Essenzialmente il gameplay consiste nel camminare per Pineview, compiere azioni e dialogare con i cittadini. Nessun inventario, pochissimi enigmi. Gli unici oggetti a nostra disposizione saranno l’agenda di Michael, che serve semplicemente da promemoria, e la mappa della città. Quella di Arman è una coraggiosa scelta di game design che punta tutto sulla componente narrativa e sull’impatto emotivo scaturito dalle immagini e dalla musica. Un mix di elementi davvero forte, ma minato da banalissimi errori.

Buona narrativa ma caratterizzazione dei personaggi discontinua

La storia è scritta davvero bene e, senza fare spoiler, possiamo dire che è appassionante, cruda e abbastanza originale. Procede tramite tre linee narrative: quella dell’indagine di Michael Stone, investigatore e fumatore incallito, la sua tormentata background story e i flashback delle due vittime.

Curata la caratterizzazione di Michael e delle due vittime Chris e Diane, ma non si può dire altrettanto degli altri personaggi; alcuni di questi, seppur fondamentali per la trama, sembrano delle macchiette ed è un vero peccato, visto che probabilmente l’atmosfera che voleva creare il game designer era quella della tipica cittadina dove ogni abitante ha qualcosa da nascondere.

Grafica minimale e (quasi sempre) suggestiva, musiche piacevoli

Così come il gameplay, minimale anche la grafica che, se nella maggior parte dei casi regala panorami davvero suggestivi, in altri è davvero troppo rudimentale, specialmente in alcune animazioni fin troppo goffe. Le musiche sono molto piacevoli, quasi lasciano dimenticare l’assenza di un doppiaggio che, sinceramente, vista la semplicità estetica del titolo, sarebbe stato superfluo.

Un esperimento quasi riuscito

Un gioco che, nonostante gli alti e i bassi e un finale abbastanza rushato ha una longevità accettabile per un indie (si parla di 4/5 ore). Se non fosse per i bug avrebbe preso un buon 7 e mezzo.

Passano, infatti, le piccole imperfezioni da post rilascio come telecamere ballerine e\o oggetti e personaggi posizionati a caso. Tuttavia non posso perdonare i gravissimi bug che minano anche la continuità del gioco: mi è capitato di ritrovarmi in dialoghi fuori contesto semplicemente perché mi sono recato in una location quando avevo altro da fare per poi imbattermi in un “syntax error”.

D’altro canto ammetto anche che lo sviluppatore si sta impegnando giorno e notte, senza freni, per risolvere ogni tipo di problema. In luce anche del fatto che si tratta pur sempre del lavoro di un singolo individuo, sono disposto a dare fiducia, abbassando il voto di solo mezzo punto.  Rainswept lo consiglio se siete appassionati di gialli o telefilm come Twin Peaks. Ecco, magari aspettate che lo sviluppatore fixi tutti i bug per giocarci, così da godervi appieno l’esperienza.

Amerigo "ilCirox" Cirelli

Con il pad in una mano e il mouse nell'altra dall'età dei tre anni. È cresciuto giocando con la prima PlayStation, con il Nintendo 64 ed il pc. Critico videoludico, combatte contro qualsiasi fonte di disinformazione sui videogiochi nei media moderni.

Disqus Comments Loading...
Share
Pubblicato da
Amerigo "ilCirox" Cirelli
Tags: Froostwood InteractivePCRainswept

Recent Posts

  • Giochi di ruolo

Il Trono di Spade 8×02, i punti esperienza della puntata

Questa seconda sessione/episodio alza notevolmente la qualità, ed è un bellissimo modo per tirare le fila dei personaggi e concedere…

18 minuti fa
  • Guide

Mortal Kombat 11 | Guida alla Kripta: Oggetti chiave e casse migliori

Anche in Mortal Kombat 11 torna la Krypta, un particolare sistema tipico della serie per sbloccare tesori e ricompense che…

3 ore fa
  • Guide

Mortal Kombat 11 | Guida Fatality e Brutality: lista mosse completa

Parliamoci chiaramente: Mortal Kombat è un picchiaduro che ci piace proprio per le secchiate di sangue versate, le ossa rotte,…

4 ore fa
  • Recensioni

Mortal Kombat 11 | Recensione per niente sobria

C'era una volta, in un'epoca oramai dimenticata, un mondo bello, colorato e pacifico, in cui tutti erano felici e dove…

9 ore fa
  • Giochi di ruolo

Il DM droga i giocatori: storie assurde da un LARP dell’orrore

  Uno dei passatempi preferiti dai giocatori di ruolo è, senza dubbio, quello di raccontarsi a vicenda gli aneddoti accaduti…

1 giorno fa
  • Speciali

I migliori easter eggs dei videogiochi: tra follia e vanità

L'easter egg è una pratica ormai conosciuta e sdoganata persino al cinema con il film Ready Player One che fa…

1 giorno fa