Pubblicato in: Giochi da Tavolo

Creepy Falls | Essere Vampiri è un lavoro

Mamma, da grande voglio fare il Vampiro!

Non avete mai sognato di essere una creatura dagli enormi poteri? Dite la verità! In Creepy Falls potete scoprire come essere un vampiro si porti dietro un grosso bagaglio di responsabilità nella gestione dei propri scagnozzi. Le città non si terrorizzano da sole, il sangue non si raccoglie senza fatica e le anime vanno conquistate con grande sudore della fronte.

In Creepy Falls, gioco realizzato da Alessandro Montagnani e pubblicato da Uplay, dovrete mostrare una grande capacità strategica per primeggiare in una competizione senza esclusione di canini contro altri vampiri. Per farlo comanderete orde di ghoul, mummie, lupi mannari, mostri di Frankenstein e streghe.

Meeple del mostro di Frakenstein e di un normale ghoul. Uno spettacolo per gli occhi.

Succhia bene chi morde per ultimo

Il nucleo del gioco si basa completamente su un meccanismo di piazzamento lavoratori nelle location rappresentate sulla mappa. Chi si posiziona per primo conquista vantaggio in caso di pareggio, ma, come è logico, una strategia attendista porta alcuni vantaggi. A questa fase segue una di risoluzione ed infine un mercato di compravendita risorse.

Per poter plasmare la nostra strategia nelle tre fasi possiamo andare ad utilizzare in maniera opportuna le forme vampiriche che possiamo di assumere prima di ogni turno di gioco. Se saremo trasformati in ratti, pipistrelli, nebbia o così via, ecco che potremo sfruttare a nostro vantaggio determinati poteri che incideranno sulla fase di piazzamento, ma anche sulla fase di acquisto di lavoratori e incantesimi e sulla finale conversione delle risorse.

Per darvi un’idea approfondita eccovi la lista delle forme e le fasi su cui vanno ad impattare:

  • Nube di chirotteri – Piazzamento
  • Pipistrello – Piazzamento
  • Nebbia – Piazzamento
  • Branco di ratti – Piazzamento
  • Predatore notturno – Risoluzione
  • Forma umana – Risoluzione
  • Bestia feroce – Mercato

Ad eccezione della bestia feroce, tutte le altre comporteranno un’interazione differente con i nostri avversari, che, come potete immaginare è unicamente sviluppata attraverso gli effetti del nostro piazzamento.

Una bella visione della plancia durante una partita.

Amici si ma nel modo giusto

Durante la partita, proprio per la meccanica di gioco, l’interazione tra giocatori è indiretta, ma non così ridotta. Non si tratterà solamente di piazzare i propri lavoratori per cercare di acquisire la maggioranza in un luogo e accaparrarsi i benefici maggiori, ma anche rubare ai nostri avversari importantissimi punti vittoria fondamentali per l’esito finale della partita.

Per comodità vi riepiloghiamo i diversi servitori che potremmo utilizzare e un’idea di massima del loro potere:

  • Ghoul: pedina base. Piazzabile una volta sola. Vale 1.
  • Mostro di Frankenstein: Posso piazzare una sola volta altri ghoul. Vale 2.
  • Mummia: Piazzabile in aggiunta ai ghoul, una volta sola. Vale 1.
  • Lupo Mannaro: Piazzabile esclusivamente da sola. Ruba 1 Anima a tutti gli altri giocatori presenti. Vale 2.
  • Strega: Piazzabile esclusivamente da sola. Ruba 2 Anime a tutti gli altri giocatori presenti. Vale 0.

Per poter assoldare nel proprio esercito elementi così forti, però, sarà necessario collezionare in maniera efficace le risorse forniteci dalle varie location e decidere se investire in grimori per realizzare incantesimi determinanti sul lungo termine. Nello specifico abbiamo:

  • Corpi: per la realizzazione di creature base
  • Amuleti: per la realizzazione di creature avanzate
  • Grimori: per l’apprendimento di incantesimi
  • Sangue: punti vittoria
  • Anime: altri punti vittoria (valgono 2)
Gli incantesimi e le risorse di gioco

Qualche sbavatura qua e là

Il gioco di per sé non è niente male, soprattutto se si considera la durata accettabile (dopo la prima partita, con le strategie chiare in mente è tutto molto più veloce) e la mole di materiali enorme in proporzione al costo del gioco. Il bilanciamento delle creature non sembra così male, anche se in tutte le partite giocate la Strega è risultata essere potente e fondamentalmente incontrastabile. Ciò di cui si sente la mancanza, in fin dei conti, è un insieme eterogeneo di strategie percorribili con livelli di rischio variabile.

Alla lunga, infatti, sembra che tutte le partite convergano verso un insieme di giocatori che applica una stessa linea di gioco e dove finisce per essere premiato quello più abile nella scelta delle forme vampiriche migliori nelle varie fasi. Investire in incantesimi può dare un qualche elemento strategico alternativo, ma sembra difficile contrastare con essi il potere di alcuni servitori avversari.

Un’ultima piccola critica da muovere è anche quella relativa all’ambientazione. Come anche ammesso dallo stesso autore il gioco è stato pensato per essere adeguabile a diverse ambientazioni. Si nota un grosso lavoro di studio della matematica alla base, ma una minor attenzione nella giustificazione delle meccaniche in base al setting (per noi il riferimento assoluto sul tema è quello realizzato da Vlaada Chvatil in Dungeon Lords).

Conclusioni

Personalmente non ritengo mai corretto valutare i giochi in funzione del “prezzo al chilo”, ma in questo specifico caso è stupefacente la quantità di materiale che troverete e anche la cura dello stesso. Questo per giocatori neofiti può davvero segnare la differenza importante.

Concludendo quindi, Creepy Falls difficilmente farà la storia dei giochi di piazzamento lavoratori. Si tratta infatti di un settore veramente pieno di prodotti molto validi. Può però rappresentare un interessante punto di partenza per la scoperta di questa meccanica da parte di una fascia di giovani giocatori.

La tematica horror scherzosa, la gamma limitata di opzioni e linee strategiche, la cura dei materiali e la durata lo rendono un ottimo acquisto per un gruppo di ragazzi in cerca di un nuovo boardgame.

Proprio in funzione di questo ne va apprezzato il prezzo molto competitivo, la scalabilità da 4 a 2 giocatori e la veste grafica.

Davide Rospi

Ho giocato per anni di tornei GDR. Ho scritto avventure e insegnato alla gente come scriverne. Dopo anni di lavoro come organizzatore dell'area GDR di Torino Comics e Modena Play, sono diventato il braccio violento del GDR. Con la mia armatura di acciaio e titanio vado a punire il male per la nazionale italiana al Battle of the Nations. E quando non mi alleno, amo i gattini e le public relations. Adoro parlare con la gente e adoro questo mondo. Non fatemi arrabbiare però.

Disqus Comments Loading...
Share

Recent Posts

  • Eventi

ID@XBox 2019, le novità presentate all’evento

Nella giornata di ieri abbiamo partecipato a ID@XBox, l'evento annuale in cui Microsoft mostra i risultati annuali del programma e…

10 ore fa
  • Speciali

[La tana dell’Orso] God of War (2018) e la mitologia norrena – Vol. 6

Con questo 37° appuntamento della Tana dell'Orso, concluderemo -e stavolta dico davvero- l'analisi della mitologia scandinava all'interno di God of…

12 ore fa
  • Giochi da Tavolo

Recensione | CO2: Second (and last?) Chance

“Dobbiamo salvare il pianeta!”. Non è l’invito di Greta Thunberg ai governanti del mondo, ma il messaggio che arriva su…

13 ore fa
  • Carte Collezionabili

Mtg Arena – Nuove Uscite – In arrivo Core Set 2020 M20

Core Set 2020, la nuova espansione di Magic: the Gathering, è alle porte. Ecco tutte le informazioni per non farsi…

13 ore fa
  • Giochi da Tavolo

Gentlemen Around a Table: Victorian Masterminds

Tempo fa abbiamo indossato i panni di ladri da mille e una notte, e ciò non ci è affatto dispiaciuto.…

13 ore fa
  • News

Cyberpunk 2077: pronti a diventare Don Giovanni?

Lo sentite questo rumore, proveniente da fuori la vostra finestra? No, non sono le macchine, né il chiacchiericcio dal bar…

14 ore fa