Il mondo di Magic The Gathering ci ha abituato nel corso della sua ventennale e più storia ad una lunga serie di mazzi completamente fuori di testa che sfruttavano in modo particolarmente originale le meccaniche di gioco nella loro interezza. Abbiamo avuto a che fare con mazzi OTK (One-Turn-Kill, ovvero mazzi che vincono di primo turno) in grado di abbattere anche gli avversari più coriacei, abbiamo avuto mazzi basati su Shahrazad che hanno reso tornei ufficiali della disciplina un vero e proprio inferno, abbiamo visto differenti planeswalker venir dichiarati bannati dai formati a cui erano destinati e così via.

Una delle meccaniche vitali dei match Bo3 di MTG Arena e di Magic The Gathering stesso è il concetto di Sideboard, un mazzo di quindici carte con cui è possibile affinare la strategia del proprio main deck per vincere nei game successivi al primo. Cosa succede se il mazzo può utilizzare il suo sideboard sin dalla prima partita ? La risposta è più o meno rappresentata da questo curiosissimo Chromatic Mono Black, un mazzo quasi monocolore con risposte ad una enorme varietà di situazioni grazie al suo tutore Mastermind’s Acquisition:XLN.

Vediamo insieme cosa è questo mazzo e come funziona.

Lista Chromatic Mono Black

NCarte
21Swamp
2Ritual Of Soot
4Chromatic Lantern
3Cry Of The Carnarium:RNA[/scrylink]
4Hydroid Krasis
4Cabal Stronghold
1Cast Down
1Josu Vess, Lich Knight
3Karn, Scion Of Urza
2The Eldeset Reborn
4Mastermind's Acquisition
4Moment Of Craving
1Thaumatic Compass
4Treasure Map
2Vraska's Contempt

Sideboard

1Sanguine Sacrament
1Banefire
1Nexus Of Fate
2Unmoored Ego
1Mass Manipulation
4Duress
1Josu Vess, Lich Knight
1The Mirari Conjecture
1The Immortal Sun
1Zacama, Primal Calamity
1Star Of Extinction

Andiamo ad analizzare in primis la composizione del deck principale e della sua strategia di gioco. Il mazzo si presenta come un banalissimo mononero, con principalmente due tipi di carte al suo interno. La prima tipologia di carte di cui è composto questo Chromatic Mono Black è rappresentato da tutte le carte che permettono al mazzo di velocizzare in un modo o nell’altro il suo mana ramp: ci sono quattro copie di Treasure Map che ad esempio permettono di mettere terra con relativa rapidità e una copia di Thaumatic Compass per dei late game con pericolosi bittanti avversari. Se questo non dovesse bastare il mazzo presenta sempre la sua carta principe, ovvero Chromatic Lantern con cui guadagnare un mana extra e trasformare la propria manabase in un caleidoscopio di colori.

Che ci facciamo del mana colorato?
In primi il mazzo ha di main una buona carta in grado di fare danni onesti: parliamo di Hydroid Krasis, ovvero una carta in grado di fare il cosìdetto vantaggio carte e di farci guadagnare punti vita in base alla quantità di mana utilizzato per castarla. Se dovessimo arrivare a grandissime quantità di mana possiamo sempre lanciare un Josu Vess, Lich Knight potenziato per ottenere un board praticamente ingestibile o castare un simpatico Karn, Scion Of Urza per mostrare a tutti chi è il planeswalker più simpatico presente sul campo di battaglia.

Per arrivare a queste fasi della partita è necessario utilizzare con saggezza tutti gli sweeper che il mazzo presenta: partendo da quelli a bersaglio singolo come Moment Of Craving sino ad arrivare a Vraska’s Contempt, carta perfetta per guadagnare qualche punto vita in più resettando di fatto il board.

Il succo del mazzo è però nel suo tutore: Mastermind’s Acquisition è la carta su cui si basa l’intero gameplan perché permette, per quattro mana, di tutorare ciò che si vuole dal sideboard o dal mazzo stesso per concludere con rapidità la partita. Il sideboard del mazzo presenza, oltre a 4 Duress, una serie di carte indirizzate a specifiche situazioni o comunque in grado di vincere la partita in solitudine/se protette.

Partiamo ad esempio dalla Nexus Of Fate, carta giocabile soltanto nei BO3 e in grado di farvi guadagnare un turno per sette mana; a partire da quel momento la carta si rimescola nel maindeck dove diventa tutorabile. Il sideboard presenta anche The Immortal Sun, carta destinata a complicare la vita ai mazzi di controllo una volta che è in campo o Star Of Exctinction, botto definitivo in grado di polverizzare praticamente qualsiasi board il vostro avversario abbia in mente di realizzare.

Banefire ad esempio si prospetta come soluzione migliore per un qualche tipo di controllo infarcito di counter, basterà semplicemente spendere la giusta quantità di mana per castarlo e vedere il vostro avversario esplodere in un botto di notevole dimensioni.

Chromatic Mono Black è quindi un mazzo piuttosto atipico che può interessare ad alcune frange di giocatori, ricordatevi soltanto di sostituire Nexus Of Fate dalla lista se il vostro formato di riferimento è il BO1, luogo dove tale carta blu è bannata e odiata in generale come la peste. Al suo posto potete aggiungere qualsiasi tipo di carta abbia un grande impatto sul game nonostante l’alto costo, tipo Omniscience

 

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!