7 videogiochi che meriterebbero un loro gioco di ruolo

Avete mai amato talmente tanto un videogioco da sperare che non finisse mai?

Ecco, a me succede spesso, e quando accade penso al modo in cui poter far rivivere sensazioni e divertimento di quei giochi anche dopo i titoli di coda, tanto li ho amati, e penso sempre al gdr. In effetti, ci sono giochi che, per la loro potenza narrativa e il loro setting evocativo, forse meriterebbero davvero di avere un gioco di ruolo tutto loro, con regole peculiari, che permetta ai giocatori di continuare a viaggiare in quei mondi.

Proprio guidato da questo pensiero, in questo speciale ho selezionato sette giochi, fra rpg, stealth game e open world che non stonerebbero affatto come setting per un tabletop rpg.

Curiosi?

Perché proprio questi giochi?

Prima di partire con la nostra lista, due parole sul criterio di scelta: cosa secondo me renderebbe l’ambientazione di un videogioco degna di diventare un manuale per il gioco di ruolo?

Probabilmente non c’è una risposta univoca a questa domanda ma, se dovessi darla, penso che dovremmo ragionare su come il setting di un videogioco è costruito, su quanta coerenza interna abbia, o su quanto riesca a coinvolgere il giocatore.

Fattori soggettivi e che fanno riferimento al modo in cui i singoli giocatori si approcciano, ma che hanno un loro fondamento oggettivo nella capacità di un’ambientazione di appassionare.

Okay, qui entriamo nel territorio “ti piace vincere facile”: Greedfall, imperfetto ma delizioso rpg di Spiders, è un gioco che ha in sé già tutti gli ingredienti per un buon gdr classico, da un’ambientazione fantasy a un sistema di classi originale fino a alla gestione dell’arsenale.

In questa ricetta c’è almeno un elemento che lo renderebbe degno di una trasposizione: l’ambientazione, che rielabora l’epopea della scoperta dell’America in maniera interessante e avvincente mettendo di fronte al giocatore un’intera isola incontaminata e ricca di sfide da esplorare.

Greedfall, greedfall gioco di ruolo

Greedfall porterebbe i giocatori a esplorare a fondo l’isola incontaminata di Teer Fradee in lungo e in largo, combattendo contro i mostri che la popolano e le truppe delle potenze avversarie, trattando con i nativi del posto o anche, perché no, giocando la fondazione e lo sviluppo di nuovi insediamenti sull’isola.

Anche grazie alla sua impostazione videoludica, basata sul controllo di un gruppo di avventurieri, immaginare un tabletop rpg  di Greedfall è davvero molto semplice, e una linea gdr basata su questo titolo del 2019 potrebbe trovare una buona nicchia di appassionati in cui imporsi.

Nel 2021 il Game Boy vedrà un nuovo gioco horror

Copertina Warhammer 40.000 dobbiamo parlare

Warhammer 40.000, dobbiamo parlare